Oltre 150 giovani alla Prima Giornata nazionale Giovani e Memoria. Ieri, 31 ottobre, all’Acquario Romano-Casa dell’Architettura.

1 novembre 2022

La Giornata si è svolta ieri, 31 ottobre, con la partecipazione di oltre 150 giovani, destinatari e protagonisti delle singole iniziative. Riflessioni, progetti, attività artistico-performative, tutte volte a connotare il significato e il ruolo che la memoria assume per le giovani generazioni.

Gli eventi della Giornata sono stati divulgati attraverso un collegamento streaming e la presenza di un presidio della radio digitale RadioLUISS, per assicurare il più ampio coinvolgimento di pubblico.

I giovani conduttori Emanuela Lucchetti, divulgatrice storica, e Mario Benedetto, giornalista e scrittore, hanno accompagnato e valorizzato il programma della Giornata, favorendo l’interazione con gli spettatori presenti in sala.

Nella mattina, dopo l’Inno d’Italia suonato dal vivo dalla Banda della Polizia di Stato, diretta dal Maestro Roberto Granata, ed i saluti istituzionali, anche alla presenza del Ministro della Pubblica Amministrazione, Paolo Zangrillo, sono stati presentati gli esiti dell’indagine di ricerca condotta dalla Struttura di missione, attraverso l’Istituto Piepoli, sul significato e il ruolo della memoria per le nuove generazioni. Il sondaggio ha riguardato più di 1500 giovani di età compresa tra i 14 e i 35 anni.

In successione sono stati proposti:

·        un video appositamente prodotto per lanciare il progetto “La presa di coscienza 1943-45”, ideato dal professor Luciano Zani, già componente del Comitato per gli anniversari di interesse nazionale, per sensibilizzare i giovani al recupero di memorie familiari e civili legate al periodo 1943-45 e alle tante forme di Resistenza che si sono verificate nel nostro Paese;

·        uno spettacolo di danza live “#Cittadine! Alla conquista del voto”, a cura del Centro documentazione donna di Modena e dell’Istituto Storico di Modena, con la Federazione Nazionale Associazioni Scuole di danza, che ha raccontato, con immagini di repertorio, voci tratte da fonti originali e lo strumento espressivo della danza contemporanea, la lunga battaglia per il suffragio femminile.

Nella mattinata, sono state presentate anche le opere artistiche dello scultore Andrea Gandini e della muralista e illustratrice Kiki Skipi, contestualmente in corso di realizzazione nell’area esterna dell’Acquario Romano, e si è dato voce ai giovani dei RadioLuiss e di ANG-radio.

Nel pomeriggio è intervenuto alla manifestazione il Ministro Sport e Giovani, Andrea Abodi, che ha assistito alle diverse iniziative e partecipato attivamente con un proprio intervento.

Il programma pomeridiano ha previsto:

·        la presentazione della nuova serie di podcast “Noi siamo i giovani” (Agenzia Nazionale per i Giovani-ANG), che ripercorre la storia del concetto di “giovani” dalla fine degli anni Cinquanta, partendo dall’associazionismo spontaneo per arrivare all’ANG e all’istituzione del Ministero per le politiche giovanili;

·        il lancio del progetto “Donne e STEM. Scienziate. Un confronto tra generazioni”, ideato dalla professoressa Patrizia Gabrielli e dalla scrittrice e astrofisica Licia Troisi -ambedue già componenti del Comitato per gli anniversari di interesse nazionale-, per coinvolgere gli studenti delle classi IV e V delle scuole secondarie di secondo grado in una riflessione operativa e propositiva sul ruolo delle donne nel campo delle scienze e della ricerca scientifica;

·        la partecipazione della Direttrice dell’Istituto di Scienze del patrimonio culturale del CNR, Costanza Miliani, per un focus sul rapporto tra la scienza e la dimensione più “umanistica” del patrimonio culturale;

·        la presentazione del progetto “Giovani in biblioteca”, a cura del Capo Dipartimento per le Politiche giovanili e il servizio civile universale, Marco De Giorgi, dedicato alla attuazione di iniziative volte a favorire e a sostenere la creazione di spazi di aggregazione destinati alle giovani generazioni, per promuovere attività ludico-ricreative, sociali, educative, culturali e formative;

·        lo spettacolo “Il racconto della Costituzione”, adattamento della graphic novel di Giuseppe Amari, in collaborazione con Alberto Aghemo, Blando Palmieri, Vittorio Pavoncello e la Fondazione Matteotti, con il coinvolgimento della classe IV G del Liceo Morgagni di Roma;

·        la presentazione, nell’ambito dell’Anno della legalità, delle opere d’arte di Gregor Prugger, “L’albero dei tutti”, e di Peter Demetz, “Il Trionfo della Memoria”, a cura di Alessandro de Lisi della Fondazione Falcone. Le opere saranno esposte per tutto il mese di novembre nel giardino dell’Acquario Romano-Casa dell’Architettura;

·       la presentazione del trailer sulla puntata della serie Ossi di Seppia-Memories dedicata ai “ragazzi delle scorte”.

Sono state presentate anche le opere della disegnatrice Nian e del disegnatore Giovanni Robustelli, contestualmente in corso di realizzazione al piano -1 dell’Acquario Romano-Casa dell’Architettura, e il trailer del video vincitore del progetto Pyxie contest Europe R Us, nell’ambito del Festival “Riscoprire l’Europa” – Comune dell’Aquila-, accompagnato da un messaggio del Sindaco Pierluigi Biondi, letto da Mario Benedetto.

 

La Giornata si è conclusa con un videomapping proiettato sul prospetto principale dell’Acquario Romano-Casa dell’Architettura, su progetto site e content specific  di RICCARDOBOCCHINIARCHITETTO e BOC Studio.

 

I momenti di pausa (caffè e pranzo) sono stati curati da Elis food & care in collaborazione con l’Istituto Enogastronomico Safi ELIS, che offre un percorso di istruzione professionale all’avanguardia. Prodotti a km 0, con ricorso all’utilizzo di stoviglie e materiali compostabili.

Gli alimenti non serviti nel corso della Giornata sono stati donati alla Caritas di Roma.

 

La Giornata nazionale, come da previsione della norma che l’ha istituita, è destinata a divenire un appuntamento annuale di confronto e di condivisione.

 

 

 

 

 

 

 

 

Torna all'inizio del contenuto