Richiesta Contributi

CHI PUÒ RICHIEDERE UN CONTRIBUTO

Il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 22 novembre 2010, registrato dalla Corte dei Conti il 23 novembre 2010 al n. 8376, all'articolo 2 dispone, tra l'altro: "3. La Presidenza può contribuire, con proprie risorse ed entro i limiti delle disponibilità annuali iscritte nel bilancio di previsione, al rimborso parziale delle spese sostenute da soggetti pubblici o privati, che non abbiano finalità di lucro, per la realizzazione di progetti culturali o sociali di alta rilevanza".

La Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del 23 febbraio 2015, registrata dalla Corte dei Conti il 4 marzo 2015 al n. 7732, all'articolo 1 dispone, tra l'altro: "1. Sono ammessi a presentare richiesta di rimborso parziale delle spese sostenute per la realizzazione di progetti culturali o sociali di alta rilevanza i soggetti pubblici o privati, che non abbiano finalità di lucro, operanti sul territorio nazionale. 2. I soggetti richiedenti non devono aver subito pronunce di condanna per gli illeciti amministrativi di cui al Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231". 

PER QUALI PROPOSTE PROGETTUALI

La proposta progettuale dovrà essere coerente con le tematiche ricomprese nell’articolo 2, commi 1 e 2, del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 13 aprile 2021, registrato dalla Corte dei Conti in data 23 aprile 2021 al n. 934, che si riportano di seguito integralmente:

  1. La Struttura di missione "assicura gli adempimenti necessari per la realizzazione e la valorizzazione dei programmi e degli interventi connessi alle celebrazioni degli anniversari di interesse nazionale, coordinando le iniziative di realizzazione delle attività, comprese quelle in materia di comunicazione, al fine di promuovere i valori e il significato mediante il profondo dei personaggi, degli eventi e della memoria, rafforzando, anche mediante il ricorso alle nuove tecnologie, ai linguaggi contemporanei, alle piattaforme digitali e ai social media, il grado di consapevolezza, coinvolgimento e partecipazione delle giovani generazioni".
  1. Le attività della Struttura di missione "sono volte ad amplificare la portata dei messaggi propri degli anniversari di interesse nazionale, anche in rapporto al contributo di personalità altamente rappresentative del panorama storico, artistico, culturale e scientifico del Paese, promuovendo, specie nelle giovani generazioni, la dimensione partecipativa e, in chiave proattiva, il significato della memoria quale patrimonio culturale collettivo".

MODALITÀ DI RICHIESTA

La richiesta di contributo economico dovrà essere redatta seguendo le indicazioni contenute nel documento "Modalità operative per la presentazione di proposte progettuali" approvato dal Comitato per gli anniversari di interesse nazionale nella seduta dell’11 novembre 2021.

La proposta progettuale dovrà essere presentata, sottoscritta con firma digitale dal rappresentante legale o suo delegato, tramite invio all'indirizzo PEC istituzionale:

anniversarinteressenazionale@pec.governo.it

Con l’invio della richiesta, il proponente dichiara di aver letto e accettato l’informativa sul trattamento dei dati personali, ai sensi del D.Lgs 196/2003 e del Regolamento UE 2016/679, pubblicata nella presente pagina.

La Struttura di missione, a seguito di specifica istruttoria, provvede al successivo inoltro della documentazione al Comitato per gli anniversari di interesse nazionale, costituito con Decreto del Ministro per le politiche giovanili 19 luglio 2021, che opera un’autonoma valutazione.

SUCCESSIVO ITER

Il Comitato, ai sensi dell’articolo 3 del citato Decreto 19 luglio 2021, redige una proposta di programmazione contenente “il complesso delle iniziative individuate per rappresentare i valori di identità, solidarietà e memoria nazionale, anche in rapporto ai territori e alle relative tradizioni e panorama storico, artistico, culturale e scientifico del Paese. Tra tali iniziative possono rientrare interventi infrastrutturali, nonché opere e produzioni letterarie, culturali, artistiche, cinematografiche, teatrali, audiovisive, fotografiche, multimediali e digitali”.

Tale proposta di programmazione viene successivamente sottoposta al Ministro per le politiche giovanili ai fini della predisposizione del relativo Decreto di approvazione delle iniziative, ovvero interventi, e del relativo contributo massimo erogabile dalla Struttura di missione.

Registrato il Decreto di approvazione da parte dei competenti Organi di controllo, la Struttura di missione provvede a contattare i singoli proponenti dei progetti approvati, per la definizione e la sottoscrizione dell’Accordo stipulato ai sensi dell’art. 15 della Legge 7 agosto 1990, n. 241, ovvero della Convenzione, che regolerà i reciproci impegni.

La Struttura di missione, nel contempo, richiede ai proponenti la documentazione necessaria, ove prevista, (atto costitutivo e statuto; dichiarazione di tracciabilità dei flussi finanziari; visura camerale; eventuali dichiarazioni sostitutive; consenso al trattamento dei dati personali) e provvede a verificare la sussistenza dei requisiti riferiti ai proponenti, ove previsti, (dichiarazione unica di regolarità contributiva – DURC; certificato dei carichi pendenti degli illeciti amministrativi; banca dati nazionale unica per la documentazione antimafia – BDNA).

Successivamente, l’Accordo, ovvero la Convenzione, viene sottoscritto dalle Parti e sottoposto alla registrazione dei competenti Organi di controllo.

La Struttura di missione garantisce la copertura economica del contributo a far data dalla avvenuta registrazione da parte dei competenti Organi di controllo.

Il progetto dovrà essere rendicontato, nella modalità stabilita dall’Accordo, ovvero dalla Convenzione, e, in ogni caso, per le attività svolte dopo l’avvio del progetto, per il valore complessivo dello stesso, non per la sola quota di contributo erogato dalla Struttura di missione.

UTILIZZO DEL LOGO

Il logo della Struttura di missione deve essere riportato in tutti i materiali informativi e di comunicazione, compresi quelli digitali, che saranno prodotti per l’iniziativa.

Le modalità di utilizzo del logo saranno regolate dal citato Accordo, ovvero Convenzione.

ALLEGATI:

  1. Modalità operative per la presentazione di proposte progettuali
  2. Informativa trattamento dati personali
Torna all'inizio del contenuto